BELLS & SPELLS

bells

Ideato e diretto da Victoria Thierrée Chaplin, lo spettacolo “Bells & spells” ha trascinato il pubblico del Vittorio Emanuele in quel non luogo ove per effetto dell’arte la realtà incontra il sogno. 
Un’atmosfera surreale avvolgeva sulla scena i personaggi, cui spettava l’arduo compito di assoggettarsi a una partitura registica perfetta. Non un passo falso era loro consentito. Un castello fatato costruito carta dopo carta da Aurélia Thierrée e Jaime Martinez, come era stato esattamente progettato. A scortarli su quel percorso dedaleo che restituisce la cifra stilistica di Victoria Thierrée Chaplin la musica. A invertirne di continuo la direzione le scenografie preziose che assegnavano senso, utilità al più minuscolo degli oggetti, partecipi tutti a quella magia con la quale i performer abilmente giocavano sulla scena. 
Una cleptomane in un mondo a colori e mille occasioni per impinguare il bottino. La stramba maniera di attribuire valore alle cose, di riportarle in vita, di farle splendere, di trasformarle o di mutarne in corso d’opera la destinazione. Salvo poi constatarne il mutamento finale, quello indesiderato, che le priva della bellezza custodita fino all’istante prima. 
La macchina teatrale è perfetta e beneficia dell’esperienza circense dei Thierrée Chaplin. Via via che i colori si spegnevano, che il bottino subiva le sottrazioni della coscienza, che tutto continuava a scomporsi e ricomporsi, alla maniera della poesia, lo spettacolo giungeva al finale. Le luci a illuminare la realtà e gli applausi, scroscianti, a ratificarne la riuscita.

(da Infomessina.it)

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *