SBADA CLOWN. DUE CUORI E UNA SINAPSI

sbada-clown-800-x-455-800x445 (1)

Al teatro ci si dovrebbe avvicinare da bambini. È il luogo dentro al quale perdersi e ritrovarsi, mille e mille volte. È quello grazie al quale si acquisisce una nuova idea di mondo e, senza sforzo, si incontra la poesia. 
Spiace dunque che a Messina, così come del resto in molte altre città, ci si tenga ben lontani dal teatro. I genitori accompagnano spesso i figli al cinema, educandoli al grande schermo o più semplicemente intrattenendoli. Sfugge loro che le suggestioni del teatro, ove a un palmo di naso si muovono gli attori e sembra lo facciano per te solo, sono davvero un’altra cosa. 
Ieri a Messina c’era tanto teatro, per giovani e meno giovani. Occorrerebbe prenderlo in considerazione. È un grande regalo che si può fare a un bambino ed è un altrettanto grande regalo che facciamo a noi stessi. 
Negli spazi del Teatro dei 3 Mestieri andava in scena “Sbada clown. Due cuori e una sinapsi”, nell’ambito della variegata stagione “Radici per Restare”, che risponde alla necessità di spaziare tra le tre arti – teatro, danza e canto – sulle quali si impernia il lavoro di Stefano Cutrupi e Angelo Di Mattia nella periferia messinese. 
Non perdiamo mai di vista – afferma il direttore artistico Cutrupi – la triade dei mestieri sulle quali abbiamo costruito il nostro teatro. La sfida è questa e comporta grossi sacrifici, ma noi non arretriamo di un passo, forti come siamo dei traguardi già raggiunti. 
Vedere oggi i nostri allievi più piccoli emozionarsi e ridere a teatro, in questo teatro che frequentano e in cui crescono, si rapportano agli altri, acquistano maggiore consapevolezza di sé e delle proprie capacità è per noi una grande vittoria”. 
Ma con “Sbada clown” non hanno riso e si sono emozionati soltanto i bambini. 
Andrea Arena e Maria Elena Rubbino hanno infatti messo su uno spettacolo piacevolissimo di circo contemporaneo, giocoleria, comicità e acrobazie. Protagonisti due piccoli clown e l’esilarante mistero di una storia in cui la soluzione giusta non è mai la più scontata. 
Poco sopra o poco sotto la realtà, in base alla prospettiva da cui li si guarda, questi giovani artisti catanesi danno prova di come si possa ancora giocare e confezionare giocando quell’altrove poetico e surreale che non compete al vivere. 
Arena e Rubbino si esibiscono nelle strade, lavorano con i ragazzi nelle difficili realtà di certi quartieri catanesi.
A teatro sono entrati in punta di piedi, ma non escludono di rimanerci. Ad aprile la partecipazione a “Rosso senza naso”, la rassegna di comicità surreale e clown teatrale in collaborazione con il Teatro Furio Camillo di Roma.
I due piccoli e distinti Sbada Clown scivolano sulla classica buccia di banana, omaggio alla lunga tradizione che li precede, poi cantano a quattro mani, danzano con una palla gigante, si contendono una sedia pieghevole e si incastrano in una valigetta fluttuante durante un focoso tango. 
La catastrofe dietro l’angolo e l’egocentrismo a spianarle la strada, in un susseguirsi di numeri funambolici. Sui volti dei due clown impressa la poesia. 

(da Infomessina.it)

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *